Il softair a Napoli

[mini-GUIDA] La prima ASG

[mini-GUIDA] La prima ASG

Mar 14, 2012

La prima asg è una scelta che viene spesso sottovalutata, trasportati dalla foga del momento e la voglia di acquistare un nuovo giocattolo.

Il consiglio che noi Mastini Napoletani diamo spesso, a chi vuol provare con noi il softair a Napoli, è quello di partecipare alle sessioni di gioco prima di effettuare l’acquisto in modo da poter toccare con mano i vari tipi di ASG ed aver una base concreta per scegliere quella che piú si adatta alle vostre preferenze estetiche, alle vostre caratteristiche fisiche ed alle esigenze di gioco.

Di seguito cercheró dare le basi per una scelta oculata anche senza aver mai messo piede su un campo di softair.

I principali modelli di asg sono : M4 – AK – G36 – P90 – G3 – MP5 – STEYR – L85 – SR25 – MASADA – F2000 – M14 – PDW – SCAR(di questi modelli esistono centinaia di versioni e sul mercato ne arriveranno di nuove)

  • Il primo problema che vi si porrà davanti sarà quello del peso che ,se elevato, puó sembrare sopportabile nei brevi periodi ma fastidioso e faticoso da trasportare e imbracciare nelle lunghe distanze.Detto questo bisogna anche tenere in conto la ripartizione dei pesi, particolare che puó cambiare drasticamente la comodità e l’usabilità delle nostre ASG.
    Un’ ASG molto sbilanciata verso la punta risulterà molto pesante rendendo faticosa la posizione di caccia (Asg imbracciata) per lunghi periodi di tempo (es. M14 – MASADA – AK) .

    Al contrario uno sbilanciamento verso il calcio puó rendere piú maneggievole anche l’ASG più pesante (peculiarità delle asg bullpup : STEYR – L85 – P90 – F2000).

    Infine le asg con baricentro posto appena davanti al caricatore, rendono piú rapida l’azione di puntamento permettendo di rimanervi piú a lungo (es. M4 in quasi tutte le versioni – PDW – SCAR ).

  • La causa principale dell’ eccessivo peso è la scelta di materiali scadenti per le parti esterne delle repliche.Al contrario delle armi vere le ASG possono essere costruite con materiali molto meno resistenti, come ABS (plastica), nylon, metallo o leghe come la zama.Chiaramente, optando per l’ABS la replica ne guadagnerà in leggerezza ma perderà in resistenza, al contrario con il metallo aumenterà la rigidità totale a discapito del peso.

    Ultimamente sul mercato sono approdate delle soluzioni che permettono di abbassare il peso mantenendo una discreta rigidità, per esempio le Combat Machines della G&G quasi completamente in nylon o le repliche della VFC create con una lega di alluminio resistente e leggera.

  • Un altro problema che vi potreste trovare ad affrontare, se siete mancini, è l’ ergonomia:Alcune repliche attualmente in commercio sono state create pensando ad un uso destrorso (M4 – AK – G3 – L85 – SR25)rendendo scomodo l’utilizzo ambidestro a causa di grip sagomati, poggiaguancia e sgancio caricatori posizionati su un solo lato (es. G3 in tutte le salse -M4 in alcuni allestimenti).

    Nei casi del M4 e del AK  sono state create delle tecniche per poter imbracciare, cambiare caricatore e modalità di fuoco anche se si è mancini.Le armi progettate più recentemente sono invece completamente ambidestre e quindi anche le corrispettive ASG (es. G36 – P90 – MP5 – STEYR – MASADA – F2000 – M14 – PDW – SCAR ).

  • Adesso sorge un dubbio: canna lunga o corta, o anche, cortissima o lunghissima?Per legge la potenza dei nostri giocattoli è limitata ad un joule, livellando cosí di molto le prestazioni in termini di gittata.

    Questo si puó tradurre come : una canna lunga puó essere precisa come una canna da sniper, e una canna molto corta potrebbe avere prestazioni paragonabili ad una medio-lunga (ad esempio un M4 STUBBY puó facilmente eguagliare in prestazioni un M4 CARBINE e quest’ultimo in certi casi può essere utilizzato anche come sniper… traete le vostre conclusioni).

    Oltre alla precisione ed alla gittata le differenze reali si comprendono in gioco: es. un’ ASG con una canna molto lunga rende scomodo il movimento tra i rovi, il peso in punta aumenta fastidiosamente, in CQB(Close quarters battle – battaglia in ambienti urbani ) si rischia di urtare facilmente muri, etc etc.

Detto ciò, è già possibile fare una scelta oculata del genere di ASG che stiamo cercando, dopo di che dobbiamo porci la domanda :” quanto posso spendere?”

 

Nel SA, come in qualunque campo(o quasi), “quanto spendi tanto hai”.

Per dare un’idea più chiara possiamo immaginare che il mondo delle ASG sia suddiviso in tre grandi sottoinsiemi:

  1. Tokyo Marui – range di prezzo: 150-450
  2. Di “marca” – range di prezzo: 250-700
  3. Cinesi LOW-COST – range di prezzo: 100-300

Partendo dal fondo della lista troviamo i Cinesi (in realtà tutte le asg sono cinesi fatta eccezione per il n°1) con prezzi effettivamente alla portata di tutti ma la qualità lascia spesso perplessi, rendendo obbligatoria la revisione della meccanica con una spesa ulteriore e senza la sicurezza di una buona riuscita.

Invece le ASG così dette “di marca”(n.2) pur provenendo dalla Cina sono soggette a più controlli di qualità, garantendo quasi sempre una maggiore affidabilità e longevità. E’ giusto far notare che ultimamente grandi case come G&G e CLASSIC ARMY stanno adottando la filosofia del low cost di qualità,  con risultati altalenanti.

Infine troviamo al n°1 la Tokyo Marui (anche chiamata MAMMA MARUI) con le sue repliche praticamente immortali.Le asg prodotte da questa casa giapponese meritano una categoria a se: longeve, costanti, pronte da utilizzare “out of the box” e di ottima fattura (Le repliche Marui sono prevalentemente in ABS tranne alcune ASG di ultima uscita).

 

Adesso mettete insieme i pezzi del puzzle e cercate il giocattolo adatto a voi, ricordando che l’ASG è solo la prima di una serie di spese obbligatorie per poter far parte di una squadra di SoftAir.

 

 

Se la recensione vi è stata di aiuto  o vi è semplicemente piaciuta mettete “mi piace” e condividete su Facebook.

 

 

 

Alla prossima settimana.

©Mastini Napoletani 2012 – Testi di Vincenzo “Mobius”
Ogni riproduzione, anche parziale, è assolutamente vietata.

Grazie per aver visitato il sito del club di softair di Napoli e Campania dei Mastini Napoletani.

2 comments

  1. Juanno /

    E per quanto riguarda le AMG usate?

  2. Juanno /

    *ASG

Leave a Reply